Melandri, il Covid e i clickbaiter di merda

Clickbait

Se questo non è il primo articolo clickbait della mia vita, allora davvero non ne vedrete altri.
Vi ho avvertito e potete smettere qui.
Altrimenti scoprirete in meno di un minuto, perché non ho ancora scritto o detto niente sulle opinioni di Marco Melandri in merito al tema che tutti conoscete.

Per quanto richiesta da qualcuno di voi, non darò un’opinione non autorevole e non necessaria (la mia) su un’altra opinione non autorevole e non necessaria, solo per raccattare click e commenti da consenso, critica o discussione.

E’ come se un fruttivendolo e un commercialista parlassero di chimica molecolare e un ferramenta dicesse la sua perché un venditore di auto gli chiede di farlo.

“Eh ma chi fa informazione deve parlare di tutto”.
Non è vero. Non si può impedire alla gente di parlare di quello che vuole ma non è per forza necessario farci sopra una finta informazione da sciacalli.
L’informazione è come la musica. A volte sono le pause a dare qualità alla melodia.
E’ quel silenzio che nell’informazione si chiama credibilità.

Ascolta il podcast o guarda il video…che in questo caso, è la stessa cosa…



 

 

 

 

Articoli consigliati

No comment yet, add your voice below!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.