SUPERBIKE: in arrivo la BOMBA che piacerà agli appassionati?

Buone notizie per la Superbike. Dopo anni di stallo, disinvestimento e depauperamento di risorse e idee, le cose potrebbero cambiare.
Privata, e nemmeno troppo gradualmente, di Superpole, pitwalk, un paddock show più amico, oltre che di risorse e sponsorizzazioni tramite un calendario che l’ha resa subordinata rispetto alla MotoGP, una specie di serie B o destinazione per piloti in chiusura, ha mostrato comunque quella caratteristiche che troppo spesso viene tirata in ballo a vanvera: la resilienza.
E questo è dovuto a due motivi.


    

Il primo è che la Superbike ha fatto guadagnare poco Dorna ma ha fatto spendere ancora meno.
Il secondo è che, comunque, ha un suo zoccolo duro di appassionati e da lì non ci si muove.
Non gente che cerca il glamour, il gossip, i fenomeni mainstream, ma gente che, alla fine, vuole motociclismo e basta.
Infatti, a parte che il gossip non c’è quasi mai, quando si prova ad alimentarlo, non fa nemmeno presa. Fantasie, mercato, situazioni che infiammerebbero i social della MotoGP, in Superbike contano il giusto, cioè, quasi niente. Conta seguire le tre gare del week end (una è anche di troppo, diciamolo, ma forse è la meno peggio delle nuove idee by Dorna).
Interessano le gare, qualche dualismo e il rumore dei motori.
Soprattutto, interessa attenzione da parte di chi ne detiene i diritti.
Insomma, se è vero che i numeri della Superbike non possono essere “drogati” da nessuna iniezione (Biaggi ebbe un effetto ma erano gli ultimi anni d’oro delle derivate) è anche vero che nemmeno la pandemia l’ha messa in ginocchio più di tanto.
Il WSBK in ginocchio c’era già e, in pratica, non si è quasi scomposto, ormai abituato a stringere i denti. Vale per la classe regina, che agonizza ma non muore, e per le classi minori come la Supersport, che addirittura promettono di diventare più interessanti.

Ci sono due cose di cui però la SBK ha bisogno con certezza.
La prima è quella di sfoltire la fuffa, il costruito, l’inutilmente patinato.
La seconda, è avere vera attenzione. Come quando La7 faceva un lavoro forse non troppo spumeggiante ma comunque meticoloso, professionale ed onesto.
Con Mediaset non è andata altrettanto bene, perché la tv del biscione l’ha gestita con la testa della vedova inconsolabile della MotoGP che aveva perso.
Ma con SKY è andata anche peggio, dato che i diritti del campionato sono andati a traino della MotoGP, quasi con preghiera, con tutto quello che ne è derivato dal punto di vista dell’interesse, dell’applicazione e della cura per il prodotto editoriale.
E’ per questo che Dorna, adesso che si è accorta di avere fra le mani una MotoGP in netta crisi che i soldi li perde, ha deciso di dare un giro di chiave alla Superbike, che è vero che non stupisce i palinsesti ma è altrettanto vero che nemmeno li delude più di tanto. Il tutto con costi accessibili.
L’interlocutore giusto e questi sono i rumors, è già a colloquio da un po’ e la trattativa sarebbe in fase avanzata. Parliamo della RAI, che senza i mondiali di calcio e senza esclusive nel motor sport che conta, avrebbe tutto l’interesse, i mezzi, e la professionalità per seguire, senza trasformarlo in carnevale, un evento che non ne ha assolutamente bisogno. E RAI, tv di stato, non vorrebbe dire solo tv ma anche web, app, on demand e rapporti con tv nazionali straniere, che potrebbero entrare in consorzio per una gestione congiunta, portando sponsor più importanti e una maggior valorizzazione anche dei contenuti “storici” del campionato. Decenni di battaglie potrebbero finalmente essere nuovamente disponibili on demand per tutti i “nostalgici” delle due ruote di serie.
Pensate cosa vorrebbe dire vedere la Superbike finalmente trasmessa da qualcuno a cui interessi qualcosa.
E poi dite che non vi do mai belle notizie.
Nel frattempo, teniamo le dita incrociate!

Articoli consigliati

No comment yet, add your voice below!


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.