Caschi
« back     Data di pubblicazione: 2007-05-16 17:50:06 Stampa questa scheda |
Every
 
Askew
Azienda:
Askew
 
Modello:
Every
 
Tipologia:
stivali e scarpe
 
Prezzo:
189,00 €
 
 
 
 
 
 
 
 

Askew, azienda già nota per la sua produzione di scarpe tecniche dedicate a chi pratica lo snowboard, entra nel mercato degli stivali da moto con le idee chiare proponendo una linea di stivali completa, che si articola in diverse proposte mirate ai vari tipi di utilizzo quali Offroad, racing, supermotard, touring e Trial.
Prodotti performanti, di alta qualità e soprattutto fabbricati in Europa.

Lo stivale oggetto di questa nostra recensione è il modello "Every" dedicato, come dice il nome stesso, ad un utilizzo in qualsiasi condizione.
In effetti si tratta di uno stivale "Touring" anzi "Heavy Touring" come specifica la Askew, un po' più aggressivo dello standard, che fa l'occhiolino al mondo off road dal quale importa il sistema di chiusura a leve e gli aggiunge un look leggermente corsaiolo attraverso l'inserimento di particolari di colore arancio.

E' questo l'ultimo trend nel campo delle calzature touring per moto: stivali per macinare km che sembrano derivare strettamente dal fuoristrada; sono moltissime infatti le case che da qualche tempo offrono calzature di questo tipo abbinando l'elevata protettività (e in parte anche il look) degli stivali da sterrato alla comodità e all'impermeabilità delle calzature da gran turismo.
Dopo i pionieri della BMW, primi ad arrivare sul mercato con i famosi Santiago, anche Dainese ,Diadora, Forma,Gaerne,Oxtar,Sidi e Vendramini...è arrivata anche Askew con un prodotto che non ha nulla da invidiare ai concorrenti e che come impostazione si avvicina molto a quelli delle prime due case citate, sia come impostazione che come look.

Dal punto di vista estetico ci troviamo davanti ad uno stivale che sembra la versione supercivilizzata e turistica di una calzatura enduristica.
L'unico elemento estetico che pone il fianco a qualche appunto, proprio a voler andare a cercare qualcosa, risiede nel colore arancio dei particolari che, ci sentiamo di dirlo, inizialmente ci è sembrato fuori luogo ma che forse in fin dei conti sdrammatizza un po' quello che altirmenti sembrerebbe un vero e proprio stivale anfibio.
Insomma, quel minimo di arancione che inizialmente sembrerebbe solo poter creare scompiglio nel guardaroba del motociclista finisce con l'essere infatti un elemento caratterizzante che salva la calzatura, rendendola meno noiosa e seriosa nel lungo periodo.
Del resto l'abbigliamento turistico, sempre più specifico, si sta dirigendo anch'esso verso questi stilemi e quindi non c'è di che preoccuparsi per quanto riguarda la ricerca degli abbinamenti.
Rimane il fatto che per avere la certezza di accontentare i più tradizionalisti ci sarebbe piaciuto poter trovare almeno un'altra variante di colore (magari grigio/antracite) così come hanno deciso di fare altre case un po'più esperte del settore che però, a dire il vero, ci han dato anche un po' più dentro con l'arancione nella loro versione colorata.

Ma veniamo all'aspetto prettamente tecnico della nostra recensione. Lo stivale in prova presenta,almeno inizialmente, una certa rigidità che dà la sensazione di sicurezza in caso di impatto. L'utilizzo di pellame abbastanza spesso e l'inserimento di protezioni nelle zone più delicate come malleoli, tibia e caviglie dà la certezza di trovarsi di fronte ad un prodotto senza dubbio curato in tutti i suoi aspetti essenziali...pensato per dare la possibilità di affrontare un tipo di turismo decisamente ad alto impatto inteso dal punto di vista dell'intensità d'uso, con tutte le eventualità positive e negative che ne derivano.

Ci piace l'adozione delle leve di chiusura che consentono una regolazione precisa ma che però richiedono una certa abitudine rispetto alla classica zip più velcro solitamente utilizzata negli stivali di concezione più classica. Ma alla fine, almeno per questo tipo di calzatura, i pro prevalgono senza dubbio sui contro ed è facile cogliere tutti i vantaggi del nuovo sistema, primo fra tutti la possibilità di avere di volta in volta il "fine tuning" necessario, come ad esempio quello richiesto da una calza più spessa o da un pantalone più pesante infilato dentro la calzatura.

Per quanto riguarda la suola, il disegno è ben scolpito e quindi si riesce ad avere una buona aderenza sull'asfalto quando siamo fermi al semaforo, persino se ci troviamo sopra le temibili striscie pedonali; l'adozione di due inserti antitorsione che troviamo in corrispondenza del falso del piede è un elemento non frequentissimo anche fra stivali di alta gamma e ci fa pensare senza dubbio che siamo di fronte ad un prodotto al top, curato nei minimi particolari, strutturali oltre che estetici. Emerge insomma,in questa buona idea, tutto l'expertise di Askew derivante da anni di impegno nel campo dello snowboard.

Forse, se un elemento negativo possiamo trovarlo, avremmo gradito una suola maggiormente avvolgente sui lati per non rovinare la tomaia nelle curve più impegnative ma dobbiamo anche ricordarci che stiamo indossando una calzatura destinata al turismo e non certo alla pista anche se le caratteristiche tecniche e la sensibilità di guida che offre ci fanno venire voglia anche di una puntatina fra i cordoli di un circuito.

A completare il giudizio sicuramente positivo dello stivale Every, contribuisce la cura con cui è confezionato. Non siamo riusciti a trovare un difetto nella realizzazione dello stivale; le cuciture sono ben eseguite e raddoppiate in tutti i punti critici; la membrana traspirante utilizzata per l'interno è un ottimo compromesso fra tenuta termica e traspirazione del piede. Certo nelle settimane più calde della stagione estiva non sarà così confortevole come lo è in inverno e nelle mezze stagioni, ma stiamo pur sempre parlando di uno stivale in pelle e non di una calzatura da passeggio. Ed infine l'unione delle parti incollate, tomaia e suola, è realizzata con estrema cura e non presenta alcuna sbavatura.
Qui,ci piace dirlo, viene fuori la produzione Europea, generalmente e con le dovute eccezioni, più precisa di quella orientale.

Il giudizio complessivo dello stivale Every,lo avrete capito, è senza dubbio positivo e non possiamo che consigliarlo al pubblico al quale esso è destinato.
Il compito di Misterhelmet è anche questo, quello di puntare i riflettori anche su brand "debuttanti"per dare la possibilità ai clienti di avere più scelta possibile sul mercato. La scelta aumenta la concorrenza e la concorenza abbassa il prezzo.
Ah, già, il prezzo. Al momento di fare i conti ci acorgiamo che che questo Every non è un prodotto a buon mercato con i suoi 189,00 € ma nemmeno vuole esserlo.
Attraverso questo prodotto si coglie la mission di Askew: entrare nel mercato degli stivali da moto dalla porta principale collocandosi su una fascia medio-alta,in linea con la concorrenza dal punto di vista del prezzo ma cercando di offrire qualcosina in più.
Questo forse è il modo giusto.