« back     Data di pubblicazione: 9 febbraio 2017 Stampa questa scheda |
MotoGP: Iannone? Ci pensa Belen!
MotoGP: Iannone? Ci pensa Belen!

Le voci che si rincorrono su Andrea Iannone riguardano, ormai ci siamo abituati, più le sue vicende extra - pista che quelle legate alle sue prestazioni in gara o in prova.

Il pilota della Suzuki, una stagione lontano dai riflettori sportivi, ma piena di copertine e visibilità (non sempre positiva) per motivi legati al gossip (la sua relazione con la star tv Belen Rodriguez ha lo ha portato alla ribalta in pù occasioni), sta facendo nuovamente parlare di se, questa volta per vicende legate al rapporto con il suo manager storico Carlo Pernat.

Il genovese, figura storica del motomondiale, già manager di tantissimi campioni (Loris Capirossi e Niccolò Canepa per citarne solo alcuni), opinionista e figura importante del paddock è da tanti anni ormai il manager del pilota di Vasto.

La sua relazione con Belen Rodriguez, però, sembrerebbe aver portato a quest'ultimo una visibilità atipica per un pilota di moto. Qualcosa legata a TV, giornali scandalistici, comparsate, pubblicità, e apparizioni più o meno organizzate (tapiri di Striscia la Notizia inclusi) che gli hanno fatto conoscere un mondo teoricamente lontano da quello delle corse.

Se altri piloti italiani come Dovizioso e Petrucci hanno scelto un profilo decisamente più basso e soft, l'estroverso Iannone è ormai un protagonista più o meno volontario in TV, sui social (famosa la sua presa in giro nei confronti di Dovizioso che lo ha reso inviso alla tifoseria Ducati e il suo modo di aprire la sua Porsche dopo aver avuto problemi con la chiave), e agli eventi in cui è ospite (a Motodays di Roma si rifiutò di incontrare i fans che lo aspettavano da ore sul palco nonostante la pressione di organizzatori e sponsor.


Alla fine, queste le voci in concreto, starebbe per affidare la gestione dei suoi interessi ad un management vicino a Belen Rodriguez, mettendo in discussione lo storico sodalizio con il suo consulente di sempre, Carlo Pernat.

Qualcuno parla di penali pesanti (si vocifera di 100.000 euro per la rescissione del contratto), altri credono che questa clausola non esista. Altri ancora pensano che i due non si separeranno mai.


Chi pensa che una notizia del genere sia puro gossip, dimentica che il mondo della MotoGP è un mondo a se. Un pilota i cui risultati mancano da ormai tanto tempo, ha bisogno di essere assistito da una figura di garanzia, ben introtta nell'ambiente. Il lavoro di un manager come Pernat ha avuto effetti decisamente benefici nell'allungare la carriera di Capirossi, uno che in realtà i risultati li aveva fatti e aveva decisamente meno bisogno di correre di un Andrea Iannone che invece in Suzuki ha combinato ancora molto poco e, con un'altra stagione in chiaroscuro, rischierebbe di trovarsi in serie difficoltà di ingaggio.

 
Fonte: Misterhelmet Gianluigi Ragno