« back     Data di pubblicazione: 7 aprile 2017 Stampa questa scheda |
Superbike e CIV: salta il team ufficiale Suzuki RSV Phoenix!
Superbike e CIV: salta il team ufficiale Suzuki RSV Phoenix!
Dovrebbe essere già terminata per diversità di vedute inconciliabili,  l'avventura del team ufficiale Suzuki che con grande clamore aveva comunicato la partecipazione a più di un campionato.
Il team, infatti, composto da due strutture, RSV e Phoenix, che sarebbero già ai ferri corti, dovrebbe sciogliersi entro brevissimo.

Da una parte RSV, Riccardo Drisaldi e Salvatore Giorlandino, rispettivamente Team Principal  e responsabile tecnico, dall'altra Phoenix, rappresentata da Domenico Fasanella, team Manager della squadra.

I programmi, resi noti in una presentazione ospitata proprio da Suzuki, avrebbero dovuto prevedere 5 campionati: Europeo Stock 1000, Europeo Supersport 600, Campionato Italiano Superbike, Campionato Italiano Supersport e National Trophy 600, con i piloti dell'europeo Stock 1000, Kevin Calia ed Emanuele Pusceddu, che avrebbero dovuto partecipare anche al CIV Superbike.
Per quanto riguarda le classi junior, nella Supersport il rider sarebbe dovuto essere il neozelandese Connor London affiancato da Jacopo Cretaro (ex CEV Moto2).
Cretaro avrebbe dovuto partecipare anche al CIV Supersport insieme a Simone Fornasari.
Nel National Trophy 600, invece, il pilota sarebbe dovuto essere Danilo Di Lazzaro.
In sede di presentazione era stato annunciato anche Fred Merkel, 3 volte campione AMA (record di vittorie stagionali condiviso con Matt Mladin) e vincitore del mondiale Superbike nelle prime due edizioni (88 e 89). Fred Merkel era stato annunciato come mental coach ma non si sarebbe mai effettivamente unito alla squadra.

Il condizionale è comunque d'obbligo perché non è detto che sia tutto finito.
Da una parte RSV è detentore di una imponente struttura logistica e tecnica, (ex motogp), dall'altra Phoenix è portatore della fiducia di Suzuki che ha infatti concesso le moto.
Al momento non è dato sapere chi continuerà con chi (piloti moto, struttura). 
I contratti dei rider sono con Phoenix, ma gran parte della struttura tecnica e organizzativa erano appoggiati a RSV e pertanto Suzuki potrebbe essere messa di fronte ad una scelta.

Diversamente dal solito, non è un problema di risorse finanziarie, quanto di incompatibilità di altra natura.
Peccato che a rimetterci siano, come al solito, i piloti.
 
Fonte: Misterhelmet Gianluigi Ragno