« back     Data di pubblicazione: 7 gennaio 2013 Stampa questa scheda |
Superbike: La pecora Baiocco diventa Mr Wolf per Ducati. Lascia il CIV per il BSB... ma potrebbe raddoppiare.
Superbike: La pecora Baiocco diventa Mr Wolf per Ducati. Lascia il CIV per il BSB... ma potrebbe raddoppiare.
Di Matteo Baiocco al BSB avete letto ormai tutti.

Correrà il più prestigioso dei campionati nazionali, quello Britannico, in sella ad una Ducati buona, quella del team Rapido, decisamente diversa dal catorcio toccato al suo amico ed ex compagno di squadra Alessandro Polita, capitato, anzi, mal capitato con la Panigale del team Jentins, con i non risultati che tutti ricordiamo.

Matteo Baiocco, 2 volte campione Italiano SBK con Ducati, colui che ha mandato in pensione la 1198 facendole vincere un titolo e uomo di fiducia di Bologna è Mr Wolf, lo specialista stile Pulp Fiction "spedito" da Borgo Panigale in UK a risolvere i problemi di una moto che trionfa ovunque tranne che oltremanica.

Il sindaco onorario di Osimo, ci scherza anche lui, è caldamente suggerito ai britannici per un serio sviluppo della Panigale in un campionato che potrebbe essere abbastanza simile a quello che sarà il mondiale entro breve, ossia qualcosa di intermedio fra l'attuale Stock 1000 della FIM CUP che verrà cancellata, e la quasi moto gp che secondo alcuni è diventata ora la Superbike mondiale creata da Infront. Quest'ultima causa problemi ad una GP in crisi di identità e la soluzione, secondo DORNA, sappiamo che sarà una castrazione tecnica che non la renda troppo "pericolosa" per la classe protitipi .
Il campionato Britannico diventa così una palestra importante e strategica, da qui la chiamata di Baiocco.

Va detto che il n15, the Baiox, ha avuto un fuori stagione forse più eccitante della sua annata di corse passata, quando ha dominato un CIV ormai quasi senza emozioni.
Durante l'inverno ha chiuso amichevolmente con Barni che non gli offriva il mondiale ed ha "rischiato" di finire nel mondiale Supersport sull'MV di ParkinGO andandoci, in silenzio, molto più vicino di tanti suoi colleghi dati per papabili.

Proprio lo stile sempre molto misurato (parrucche da festeggiamento a parte) che rende Baiocco personaggio senza volerlo essere, è piaciuto e Ducati Rapido e potrebbe, qui l'anticipazione, concretizzarsi in qualcosina di più anche da parte di Bologna, sempre alla ricerca di professionisti affidabili, veloci e poco rumorosi, per portare avanti quei programmi che con Audi saranno sempre più ragionati e meticolosi.
Chi vuol capire capisca... e si ricordi di Misterhelmet, come al solito.

Interpellato a proposito, Matteo Baiocco ha risposto con uno "scusami ma ho il ferro caldo e devo finire di stirare", il che vuol dire che Misterhelmet rimane a bocca asciutta ad "ipotizzare" e lui  andrà all'estero vestito bene e, almeno dal punto di vista del look, non ci farà sfigurare...

 
Fonte: Misterhelmet Gianluigi Ragno